Pagine nuovamente selvagge

luglio 5, 2011 § Lascia un commento

ho sognato che in redazione
fosse spuntata una foresta

un intrico di piante
custodiva l’ingresso

rami lungo il soffitto
libri incombevano alti
venefici e minacciosi

quando precipitavano
al mio passaggio
una palude li inghiottiva

tentavano tenacemente
di fermarmi

il telefono coperto di rovi
suonava e suonava
irraggiungibile

una segreteria telefonica
dichiarava quel luogo
nuovamente selvaggio

sotto le scrivanie
grossi rampicanti
pietrificavano
le sedie girevoli

inoltrandomi
scorgevo cespugli
selvatici e spinosi
adorni di bacche mai viste

le avrei definite
minuscoli libri
li annunciava un’incubatrice
di foglie colorate

germogliavano radiosi
crescendo rapidi
in forme nuove e irresistibili

mi sono avvicinato lento
i piedi nel pantano
di vecchie copertine putrefatte

si è alzato d’improvviso un pianto
di pagine immacolate

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Pagine nuovamente selvagge su editor in maniototo.

Meta

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: