Schizoeditoria

novembre 30, 2012 § 3 commenti

Oggi volevo parlarvi di schizoeditoria (ho aggiunto la voce nel Glossario).
come intuirete subito, si tratta di un argomento complesso, ragion per cui state particolarmente attenti.

partiamo dall’inizio.

descriviamo brevemente gli elementi coinvolti.
abbiamo un editeuro, al quale arrivano tante proposte editeuriali in forma di canoscritti.

fase uno (il riflesso condizionato):

l’editeuro riceve il canoscritto bramoso e allupato, intravedendo subito in filigrana il denaro che potrà spillare allo scritteuro con qualche innocua mezza verità.

il canoscritto viene velocemente scorso (roba di 5 minuti) per un antico riflesso condizionato, quello dell’editore che stia ricercando talenti.
l’equivoco nasce dal fatto che nello statuto di una caga editrice è scritto che si tratta di una casa editrice, perché il legalese non si impiccia di certe sfumature.

la conseguenza è che anche l’editeuro a volte crede di essere un editore, e qui inizia la schizoeditoria di cui ci stiamo occupando.

assodato che fa cagare ed è impubblicabile (stando a crismi editoriali pur non severamente statuiti), la sua destinazione è l’ufficio commerciale che fa il conto di quanti soldi chiedere al pagautore per renderlo pubblicabile nel magico mondo di un editeuro.

con la firma apposta dallo scritteuro in calce al contratto inizia la cura editoriale del libro, affidata al primo stagista che capita sottomano.
nella più totale indifferenza dell’editeuro, che ogni tanto passa in redazione a chiedere di affrettare i tempi affinché la rata prevista al visto si stampi entri nelle sue tasche quanto prima, il canoscritto si trasforma rapidamente in un oggetto libriforme.
sulla copertina troneggia solitamente una pessima fotografia (o peggio: il disegno fatto da un amico) inviata dallo stesso pagautore, che visto che paga può fare un po’ come cazzo gli pare (cit. da qui).

fase due (o schizofase):

l’oggetto libriforme giunge nelle mani dell’editeuro che lo accoglie eccitato come un bambino che si ritrovi la sorpresa di un ovetto kinder tra le mani.
l’oggetto viene posto tra gli scaffali con cura maniacale, e sebbene egli ne ignori totalmente il contenuto (avendo però molti indizi per ritenere che sia obbrobrioso) lo tratta come qualcosa che debba eternarlo nella memoria di quei posteri che rischieranno di ritrovarselo tra le mani per qualche congiura del destino.

e a quel punto attende serafico pure la telefonata di rito dello scritteuro che, in capa a lui, si dovrebbe premurare di ringraziarlo quando riceve le pesanti scatole zeppe delle copie che è stato costretto a comprarsi e che qualche stampatore digitale (sempre il più economico sul mercato in quel momento) ha assemblato in fretta limitando le sbavature di colla.
poco cambia per lui che la telefonata giunga invece in redazione, con le sembianze di una voce già esarcebata che lamenta l’assenza del libro fresco di stampa in qualsivoglia libreria del pianeta.

ma ormai l’editeuro è tutto dedito ai suoi nuovi futuri pagautori, e quello scritteuro è ormai acqua passata, immeritevole di qualsiasi considerazione.
una volta saldata l’ultima rata, il suo ruolo nel gioco diventa subito marginale.

arriverà presto un altro oggetto libriforme capace di accendere, per qualche oscuro motivo racchiuso nei recessi insondabili dell’umana psiche, un’emozione nel cuore schizofrenico di un editeuro.

e anche questa patologia è incasellata.
avanti la prossima!

Annunci

Tag:, , , , ,

§ 3 risposte a Schizoeditoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Schizoeditoria su editor in maniototo.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: