Il senso recondito degli editori a pagamento (volendo proprio trovarne uno per cinque minuti)

settembre 11, 2012 § 1 Commento

Chissà perché oggi d’un tratto, mentre mi annoiavo nell’ufficio dell’editeuro a sentirlo elaborare teorie insensate su come fare per vendere libri invendibili, lo sguardo mi si è fissato sulle librerie che corrono intorno alla stanza.

in arrogante sequenza, collane che racchiudono mostri erano bellamente appollaiate sulle mensole.
sfoggiavano un’aria padronale.

e come ipnotizzato io ho scorso, in preda a un attacco di insulsa magnanimità, i nomi sui dorsi di quei libri, cercando un senso terreno non per i loro autori, ma per l’uomo che decida di apporre il marchio della propria casa editrice sopra cotali schifezze. « Leggi il seguito di questo articolo »

Vecchissime novità librarie (or: forever young books)

dicembre 1, 2011 § Lascia un commento

a volte ritornano: in resa.
partiti da remoti magazzini
da librerie che li hanno illusi

solo per ritardare
minuscole fatturazioni.

serafici  e dissimulanti
li trovi rannicchiati
in fondo ai cartoni.

si celano fiduciosi
nel mezzo delle pile
dei volumi gemelli

orgogliosi della loro
certificata supremazia. « Leggi il seguito di questo articolo »

La redazione non si commuove mica

ottobre 7, 2011 § Lascia un commento

ho visto tanti pagautori felici
commuoversi davanti al libro
che gli abbiamo stampato.
mandare perfino cioccolatini.

e ringraziare la redazione
dopo averla tormentata
con richieste assurde
con pretese insensate.

non mi sono mai commosso
di questa gioia fanciullesca. « Leggi il seguito di questo articolo »

Parenti scriventi

maggio 2, 2011 § 1 Commento

non la passate liscia, quando lavorate in una caga editrice.

i traspiranti scrittori si nascondono nelle pieghe della vostra vita passata, soprattutto quelle più nascoste, e lentamente vengono a galla.
sono mine sulle quali mettete il piede d’un tratto, in giorni all’apparenza qualunque.

giusto il tempo che si sparga la voce che “lavorate in una casa editrice” – ci vogliano mesi o anni ma succede – e il pellegrinaggio di scrittori seriali nella vostra direzione è già in moto.

la casistica è varia. eccone solo un assaggio: « Leggi il seguito di questo articolo »

Dissuasione occulta

aprile 7, 2011 § Lascia un commento

Ogni tanto la memoria mi ributta a galla immagini eroiche.

alle fiere del libro vanno esibite anche le opere dei pagautori. per il solo e unico motivo che potrebbero passare o mandare familiari e amici (a cercarle o controllare soltanto).

chi li chiede son di solito questi ultimi, li vedi arrivare sparati e informatissimi allo stand a domandare quel titolo là. peggio per loro. quelli son condannati.

altre volte invece, ma ci vuole occhio fino, è l’avventore casuale a volerlo, dopo essersi fatto confondere da una quarta di copertina benevola.

è l’intuizione di un attimo, posso ancora salvarlo.

lo sconsiglio con nonchalance, ammiccando vagamente.

non adduco un vero motivo.

li convinco sempre, forse perché li spiazzo.

se ne vanno senza sapere fino in fondo il rischio che hanno corso.

Magazziniere d’intelletto

marzo 29, 2011 § 3 commenti

ho visto ruscelli del mio sudore

scorrere sullo scotch da pacchi
rendendone precaria la presa.

risento l’eco del cartone gettato sul pavimento,
come a liberarmi di una carcassa oscena.

volumi mediocri presi a calci come capolavori.
entrambi solo un peso piombato sulle mie dita.

lo snocciolare di volumi che precipitano
da scatoloni malamente richiusi, da angoli divelti.

e quel rumore di copertine che si deformano volando giù
da ripiani cui mi protendo su scale minime.

ricordo garage stipati di tomi
in barba a ogni norma antincendio,

il portellone incombente sulla cranica scatola
se salivo troppo dappresso all’entrata.

traslochi, traslochi, traslochi di carta macera
i lembi arricciati d’umido.

nessuno li avrebbe mai più voluti
e noi a spostarli, febbrilmente.

una miniera di stampe solforose
la discesa irreale nel loro eterno limbo.

quante volte ho recitato anch’io il monologo d’amleto
tenendo stretto nel pugno non un teschio, un libro

skulladay.com

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria ricordi su editor in maniototo.