Letture da uno sconosciuto

giugno 18, 2015 § 2 commenti

non accettare letture da uno sconosciuto mi diceva la mamma.
e io correvo da una mano tesa all’altra, sfuggendo al richiamo.

non accettare letture dagli sconosciuti ripeteva dubitando della mia osservanza.
ma io non avevo bisogno di conoscerli quei munifici palmi.

da debita distanza tiravo il collo, senza trasgredire l’ammonimento.

Se dio è un editore speriamo che bruci tutto quello che gli arriva

giugno 18, 2015 § Lascia un commento

titoli di testa validi sempre:
titolo: dio

questa fede prevede un camino
acceso
e una comoda sedia che lo fronteggia.

accanto una pila di manoscritti
sempre la stessa altezza
da terra.

arrivano   arrivano        arrivano.

qualcuno che non vediamo,
sporge un braccio a intervalli
piuttosto regolari
per afferrarne uno. « Leggi il seguito di questo articolo »

Piccoli scrittori maledetti crescono

settembre 28, 2012 § Lascia un commento

mi conoscete solo di vista
invece io lo so chi siete.

vi osservo mentre inquieti
sgomitate per essere notati.

anni da pulcini spauriti
che avete passato a rodervi

vi sono serviti a farvi furbi
a cambiare strategia:

diventando voi stessi editori,
organizzando salotti letterari

in cui essere gli ospiti d’onore
insieme ai vostri reietti sodali. « Leggi il seguito di questo articolo »

17 redattori

giugno 23, 2012 § 7 commenti

allora, ricapitoliamo, lavorate nell’editoria e:

– un contratto vero ve lo sognate
– se ne avete uno a tempo non determinato è un part time per lavorare full time, con contributi dimezzati
– la pensione entra nella sfera delle utopie, pur non avendo il fascino concettuale delle utopie che l’hanno preceduta
– la casa in cui abitate è arrangiata, quasi sempre condivisa
– i più messi male hanno pure i genitori che li stressano perché non sono dei top manager a trent’anni
– aspettattive di realizzazione professionale vera e propria nella sfera di competenza? nulla

dico a voi, sì, a voi redattori.
a voi, che vetusti editori egopolisti senza chance di creare benessere schiavizzano col fare bonario del papà che gli vuole bene ma più di tanto per voi non può fare. « Leggi il seguito di questo articolo »

La fuga delle parole

gennaio 2, 2012 § Lascia un commento

un orizzonte lontano
dove un gigantesco libro
stava tramontando

correvo nella sua direzione
su terreni bianchi e porosi
trapuntati di lettere nere.

l’aria si faceva fredda
sentivo torme di storie
eclissarsi alla vista. « Leggi il seguito di questo articolo »

Vecchissime novità librarie (or: forever young books)

dicembre 1, 2011 § Lascia un commento

a volte ritornano: in resa.
partiti da remoti magazzini
da librerie che li hanno illusi

solo per ritardare
minuscole fatturazioni.

serafici  e dissimulanti
li trovi rannicchiati
in fondo ai cartoni.

si celano fiduciosi
nel mezzo delle pile
dei volumi gemelli

orgogliosi della loro
certificata supremazia. « Leggi il seguito di questo articolo »

Lo stormo di libruti

luglio 12, 2011 § Lascia un commento

la immagino nitidamente
questa sfida quotidiana

libri volanti e rapaci
appollaiati sopra i tetti
e traspiranti scrittori
che vagano dissimulando

qualcuno è a caccia
qualcuno si nasconde
un vicendevole agguato
una convivenza esacerbata « Leggi il seguito di questo articolo »

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria sogni su editor in maniototo.